2008 - Missione Armenia

MISSIONE CONCLUSA

  • Dr. Pietro Malara MDe Dr. Carla Mauro MD - Ministero Salute - Rapporti Internazionali
  • Dr. Gianluca de Vito MD - Responsabile UO Sanità Internaz. & Cooperazione - AOSCF
  • Delegazione MDs Emergenza 118 ASL Piemonte
 

Report : La missione è stata programmata dal 19.5.08 al 27.5.08 dalla Direzione Generale Rapporti Internazionali del Ministero della Salute, per un' attività di cooperazione bilaterale avviata dopo il crollo del blocco sovietico. La situazione sanitaria generale della Repubblica di Armenia è caratterizzata da una privatizzazione progressiva delle istituzioni ospedaliere che fruiscono dei contributi pubblici da parte del Ministero della Sanità locale, prioritariamente per le patologie urgenti e materno infantili. Pertanto è in atto una competizione tra le strutture ospedaliere tese a richiamare pazienti attraverso servizi affidabili. Questa strategia, successiva all' indipendenza del 21 Settembre 1992, si contrappone a quanto aveva rappresentato l' organizzazione sanitaria centralizzata del regime sovietico. La privatizzazione è caratterizzata da uno sviluppo edile e dei servizi istituzionali esuberante, specie nella capitale Yerevan, mentre l'area rurale vive ancora una situazione di estrema povertà. Il risultato di questa "modernizzazione" differenzia una classe politica, imprenditoriale molto ricca, a discapito della maggior parte della popolazione ancora molto bisognosa, anche in considerazione del vertiginoso aumento dei prezzi in ogni settore della vita pubblica. La missione aveva 4 obiettivi prioritari programmati:

  1. la sigla di un agreement tra Ministeri della Sanità Italia-Armenia;
  2. la sigla dell' agreement tra Shengavit Medical Centre di Yerevan ed AO S. Camillo Forlanini di Roma;
  3. lo svolgimento di un convegno sulla urgenza territoriale condotto da personale medico-infermieristico;
  4. la presentazione della Ong VPM per progetti promossi al MAE della Regione Piemonte.

Stampa   Email